#CCK11 ambienti di apprendimento personali e reti

Dalle lettura consigliate per la settimana ricavo:

  • un Personal Learning Environment è  un ambiente tecnico, supporta PLN
  • un Personal Learning Network è una struttura che riflette parentela ad altre persone
    • cresce con l’aggiunta di nuove persone o connessioni;
    • è un riflesso di reti sociali e di informazione (e metodi di analisi).
    • fonti d’informazione (come Google o database) possono essere parte di una PLN

Contrordine o un pò più di chiarezza in me?

Ero affezionata all’idea di essere il prodotto , culturalmente, intellettualmente e socialmente  parlando, di una molteplicità di connessioni offline e online. Debbo aggiustare /modificare il convincimento: in ambito connettivista un PLE è un ambiente tecnologico.

La sottoscrizione al sito di John Mak , che ormai ho eletto a mia stella polare, mi permette di prendere spunto dalle riflessioni per operarne a mia volta.  Mi dico soddisfatta di questa decisione perché ho bisogno di avere un interlocutore a cui idealmente rivolgermi quando scrivo i post per il mio blog.

Qualche giorno fa  John  poneva il quesito sui perché si sta assistendo all’abbando del blog come luogo privilegiato per comunicare in rete,  riportando il caso di Mr. McDonald,  che usava il blog per i suoi video, mentre ora non lo fa più,  avendo constatato che su Facebook l’impatto è maggiore giacché tutte le persone che sta cercando di raggiungere sono su quel social network.

Mak s’interroga sul motivo per cui la gente ricorrre al diario sul web  per comunicare  e, considerata la tendenza in atto, sul motivo per cui i blogger trasmigrano ad altri social media come Facebook e Twitter.

Se considero la quantità di blog incontrati nel corso di PLENK 2010 e la confronto con quella del corso CCK11 noto che il fenomeno investe anche i frequentatori del corso connettivista. Perché?

In Facebook mi sono iscritta ai  due gruppi connettivisti: a) un primo gruppo fondato denominato «Connectivismeducationlearning» b) il secondo gruppo CCK11.

Per quale che mi riguarda  la decisione di creare un profilo su Facebook risale a qualche anno fa ed èattribuibile dapprima a semplice  curiosità, successivamente  a interessi di studio.  Sono consapevole del fatto che quest’ambiente solo apparentemente è neutro e protetto perciò cerco di essere vigile e attenta nelle  interazioni,  per non incorrere nei rischi di cui si riferisce qui. Così mi limito a commenti e a segnalazioni di eventi di diversa natura che reputo di rilevante interesse. Lo  utilizzo anche  quale fonte d’informazione mirata.

Riconosco che attraverso Facebook la velocità con cui gli aggiornamenti e nuovi inserimenti vengono diffusi è davvero sorprendente. Ma anche spiazzante. Non faccio a tempo a fermarmi su un tema o un suo aspetto, che sono distolta da una valanga di altri stimoli. Ricorro  allora ad una  strategia difensiva,  per ora soddisfacente, focalizzandomi sull’argomento che mi permette di coniugare le istanze provenineti dai diversi fronti d’apprendimento per i quali  è richiesta la mia espressione.

Ieri, per esempio, un’e-mail m’informava della segnalazione sul social netwvork  da parte di Skip Ward di 10 links da Cable Green. Pur non avendo ancora ultimato la visione completa di quelle risorse ho potuto constatare che mi saranno molto utili per il project work che mi vede coinvolta nell’ambito del master.

È davvero piacevole constatare che la propria rete (PNL)  d’ apprendimento rappresenta una mezzo di  inestimabile valore per il conseguimento dei propri obiettivi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...