#CFHE12 – Sull’istruzione superiore in Italia

Reputo l’argomento della prima settimana di #CFHE12 Che cosa sta influenzando l’istruzione superiore? molto attraente. Fra le interessanti letture proposte scelgo di concentrarmi su Il cambiamento del paesaggio dell’istruzione superiore i cui autori, David J. Staley and Dennis A. Trinkl, riflettono sui  (10) fattori ambientali considerati gli elementi portanti per l’innovazione nel campo dell’istruzione superiore

[…] Il paesaggio di istruzione superiore è metaforicamente attraversato da linee di faglia, le fessure nel paesaggio stanno creando potenziali aree di drammatico  cambiamento …

L’affermazione, raccolta nel post di Jean-Marie Gilliot, secondo cui il contesto è diverso nei paesi europei e in particolare in Francia, dove l’istruzione superiore è prevalentemente pubblico, mi sprona a interrogarmi su quanto io  sappia della situazione dell’istruzione superiore europea e italiana in particolare. Decido perciò d’indagare partendo dal processo di Bologna 1999 , passando per strategia di Lisbona 2000, per il comunicato di Budapest e Vienna 2010 e infine per la strategia Europa2020.

Il primo  è un processo di riforma del sistema di istruzione superiore a carattere internazionale avviato «per arrivare all’armonizzazione dei diversi sistemi educativi europei, per uniformare le strutture di laurea europei, promuovere la mobilità internazionale degli studenti, la libera circolazione dei lavoratori e il riconoscimento accademico internazionale…»; la seconda , con l’adozione di provvedimenti  che puntano sulla sfida tecnologica, sulla società basata sulla conoscenza, sul miglioramento della competitività in Europa mira a «imprimere un nuovo slancio alle politiche comunitarie…»  il terzo comunica il varo dello Spazio Europeo dell’Istruzione Superiore (SEIS), così come previsto nella Dichiarazione di Bologna del 1999; e infine la strategia Europa 2020  individua le grandi sfide del futuro per rilanciare l’economia europea e promuovere una crescita “intelligente, sostenibile e solidale” basata su un maggiore coordinamento delle politiche nazionali ed europee.

L’approfondimento permette di conoscere il numero delle università esistenti in Italia suddisvise in pubbliche e private, le categorie del personale accademico e gli enti che si occupano della formazione a distanza (Higher Education in Italy).

La disamina dà origine a domande fra cui:

  1. esiste continuità tra i pronunciamenti  delle Istituzioni in ambito europeo e scelte della politica italiana? 
  2. il modello di sviluppo dell’Italia  si ispira a una  strategia negli investimenti e nella cultura del Paese a favore del sistema ricerca e innovazione?

Per capire cosa sta influenzando l’istruzione superiore in Italia mi avvalgo delle informazioni reperite in quotidiani nazionali (Il fatto quotidiano e qui ; l’Unità) e degli articoli pubblicati sul sito Return On Academic ReSearch il «[… ] sito vuole contribuire allo sviluppo di una discussione meditata e competente sui problemi dell’università e della ricerca, anche in qualità di aggregatore di diversi luoghi di discussione e di riflessione italiani e stranieri»: a) Il numero dei dottorandi di ricerca: trend negativi (Orsi), b) Classifiche incredibili (Baccini); c) Università di serie Ae di serie B(A. Figà Talamanca).

Il quadro che ne esce è sconfortante.

La ricerca scientifica e l’educazione terziaria in Italia si trovano in estrema difficoltà  per mali strutturali e culturali:

  • mancano le risorse economiche
  • le risorse umane conoscono un progressivo invecchiamento
  • imperversano delle baronie e del nepotismo
  • sussiste l’incapacità di attrarre ricercatori e docenti stranieri
  • le risorse per la ricerca e sviluppo e l’alta educazione sono considerate come spesa non come investimento
  • il sistema di ricerca manca di stabilità per le ripetute riforme (tre negli ultimi quattordici anni).

Cui prodest?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...