#change11 #oped12, #CFHE12… Un ossimoro

Seguendo la segnalazione contenuta nella  OLDaily del 7/12/2012 tento di accedere a quella che ritengo possa essere una risorsa per il mio quotidiano apprendimento, ignara della spiacevole sorpresa che mi attende.

Go away

http://iconnectdots.com/go-away

Debbo pensare che il sito mi sia precluso in quanto italiana?

Sono sgomenta.

 

 

Annunci

new post PLENK2010 PLE: rimedio democratico

Seguendo le indicazioni contenute nel«The daily» di ieri sono approdata al link che conduce a  The Huffington Post dove ho letto con interesse, restandone intimamente coinvolta, l’articolo scritto da S. Downes  del 2 novembre u.s. intitolato Deinstitutionalizing Education.

Downes riflette su un tema sul quale  è stato versato una gran quantità di inchiostro virtuale e che attiene la necessità di riformare le scuole e università.  Egli è  dell’avviso che si debba  mettere in discussione completamente il modo di gestire l’educazione perché è evidente  che l’Istituzione è giunta al fallimento.

In che modo si articola il ragionamento di  Downes? E come spiego il mio coinvolgimento?

Downes intende evidenziare che i motivi per cui la gente sta perdendo la fede nella società negli Stati Uniti e  identificati da  Nussbaum, professore di Innovazione e Design alla Parsons School of Design e qui rintracciabili,  siano applicabili alle istituzioni in generale, tra cui le aziende e anche le agenzie governative,  scuole e  università comprese.

Declina quegli elementi, riconducibili a pratiche e a  modi di essere che sono accomunati dall’allontanamento da ideali, principi morali tradizioni ecc. considerati generalmente il fondamento positivo della vita umana e della società, con conseguente scadimento dell’etica, adattandoli all’Istruzione, alla scuola, all’Università.

Vediamoli.
Outsourcing. In tutto il mondo, con l’eccezione di Finlandia e Singapore,  il settore dell’istruzione, come altri settori industriali, eroga bassi stipendi , esternalizza dove può,  svaluta le persone che  lo  fanno funzionare.

Trust. È visibile un’ erosione di fiducia nelle istituzioni educative, una sfiducia in coloro che le gestiscono perché se ne servono per la propria carriera politica. La sfiducia investe le soluzioni messe in atto per monitorare i dirigenti; si abbatte anche sugli insegnanti

Greed. Gran parte della crisi economica può essere imputabile al bisogno dei presidenti amministratori delegati e manager di guadagnare lauti  stipendi. Istituzioni e i loro amministratori continuano  ad accumulare ricchezza mentre si amplia il divario tra ricchi e poveri.

L’elenco continua:  Corruption,  Democracy.  Ingratitude, Incompetence.

Non mi fermo per  riportarne elementi descrittivi preferendo procedere con le considerazioni che Downes fa.
In breve, la democrazia rappresentativa ha fallito. I valori dominanti persiguiti e promossi dalle  istituzioni  sono il potere, la proprietà e il controllo. È indispensabile   sollevare domande sul  sistema che ha comportato l’elevazione della classe di criminali al potere non limitare  i provvedimenti migliorativi alla mera  preservazione della ricchezza e della posizione all’interno di questo ordine sociale. C’è  bisogno, continua Downes,  di progettare forme di organizzazione sociale basata su valori diversi, su forme atte a  promuovere la gestione, l’agilità e stabilità. Garantendo il diritto di ciascuno e di ogni membro della società, è possibile  assicurare il personale diritto nella società, lavorando  in virtù della libera associazione, di scambio cooperativo di valore reciproco, con i limiti naturali del diritto di possedere  e di controllo.

Non mi rimane a questo punto che esplicitare il motivo del mio coinvolgimento non trascurando di chiarire l’attinenza dell’articolo con l’e-learning.

Il quadro che si andava componendo mentre procedevo con la lettura ritraeva una realtà che si adattava perfettamente con quella tratteggiata da alcuni quotidiani e trasmissioni  televisive di approfondimento: la realtà italiana.

Ho provato una confortante affinità di pensiero leggendo la proposta di Downes di sostituire un istituto di istruzione che si rivolge  a utenti consumatori, destinatari di un’educazione online con la creazione di una personale forma di apprendimento attraverso la libera associazione tra studenti. Ciò darebbe origine a un sistema educativo che non potrebbe essere ridotto, né potrebbe essere sacrificato, a interessi corporativi o di proprietà.

Povera patria

 

1991 Franco Battiato – Povera Patria

 

Povera patria! Schiacciata dagli abusi del potere

di gente infame, che non sa cos’è il pudore,

si credono potenti e gli va bene quello che fanno;

e tutto gli appartiene. (1)

 

Tra i governanti, quanti perfetti e inutili buffoni!

Questo paese è devastato dal dolore…

ma non vi danno un po’ di dispiacere

quei corpi in terra senza più calore? (2)

 

Non cambierà, non cambierà

no cambierà, forse cambierà.

 

Ma come scusare le iene negli stadi (3) e quelle dei giornali?

Nel fango affonda lo stivale dei maiali.

Me ne vergogno un poco, e mi fa male

vedere un uomo come un animale.

 

Non cambierà, non cambierà

sì che cambierà, vedrai che cambierà.

 

Voglio sperare che il mondo torni a quote più normali

che possa contemplare il cielo e i fiori,

che non si parli più di dittature

se avremo ancora un po’ da vivere…

 

La primavera intanto tarda ad arrivare